IL BABA’

per l’impasto del babà:

300 gr di farina forte (Manitoba o W 350/400)

340 gr di uova intere

7 gr di lievito di birra secco

5 gr di sale

30 gr di miele di acacia o millefiori

150 gr di burro morbido

setacciare la farina in una ciotola, unire il lievito secco e mescolare con le mani, cominciare a impastare con le mani (o in una planetaria con la frusta piatta o a foglia) unendo metà del burro e metà delle uova. impastare con le mani per amalgamare bene gli ingredienti, “battere” bene l’impasto per fare una buona incordatura. quando sarà ben amalgamato, unire, alternativamente, burro e un uovo alla volta, sempre battendo bene l’impasto, dovranno crearsi delle bolle mentre si lavora sulla superficie della pasta.

lavorare bene l’impasto per una ventina di minuti a mano (una decina di minuti circa in planetaria), quindi, lasciarlo  “puntare” nella ciotola per 5 minuti, alla fine, coprire la ciotola con della pellicola e  lievitare fino al raddoppio del volume iniziale. ( io l’ho messo nel frigo per tutta la notte).

quando l’impasto sarà raddoppiato, trasferirne una parte in una sacca da pasticceria con una bocchetta liscia n° 12  e colare un po’ d’impasto nei piccoli stampi da babà (non oltre i due terzi dello stampo), aiutandosi con le dita bagnate per staccare con facilità l’impasto dal beccuccio, oppure dividere a metà l’impasto e trasferirlo negli stampi da savarin o da ciambella, unti precedentemente.

far lievitare nuovamente, quando l’impasto sarà lievitato a 2/3 dello stampo, infornare.

cuocere il savarin a 200° per 30 minuti circa e i piccoli babà a 220° per circa 10 minuti. (i tempi di cottura sono orientativi e vanno tarati sul proprio forno).  far raffreddare il savarin o i babà su una gratella.

per la bagna:

700 gr di acqua

500 gr di zucchero

la buccia di 1 limone

1 bacca di vaniglia (incisa nel senso della lunghezza)

2 bacche di anice stellato

1 stecca di cannella

1/2 bicchiere di rum o altro liquore a piacere (strega, limoncello, …)

versare in un tegame l’acqua, unire lo zucchero e tutti gli aromi, porre sul fuoco e portare a ebollizione, unire il rum e lasciar evaporare l’alcool per un paio di minuti. versare direttamente nel liquido, tenuto a fiamma bassa, i babà e lasciarli inzuppare per 5 minuti, rigirandoli spesso;  per inzuppare il savarin io lo metto nuovamente nello stampo di cottura e verso, lentamente lo sciroppo caldo e ne aggiungo fino a completo assorbimento, al momento del servizio lo capovolgo su un gratella per far sgocciolare lo sciroppo in eccesso.

servire il savarin con panna montata e frutta fresca (a piacere potete sostituire la panna con crema pasticcera o chantilly, io trovo l’abbinamento con panna montata semplice molto più adatto rispetto alla crema o alla chantilly perchè non aumenta il grado di dolcezza e la frutta ha acidità giusta per bilanciare la dolcezza e la grassezza della panna).

 

Leave a reply